Cardellino Premium

Il Cardellino (Carduelis carduelis) è un uccello appartenente alla famiglia dei fringillidi. Il nome deriva dalla pianta cardo dei cui semi (specialmente di quelli del cardo rosso) questi uccelli sono ghiotti.
Il cardellino è facilmente riconoscibile per la mascherina rossa sulla faccia e per l'ampia barra alare gialla. Il resto del piumaggio va dal bianco delle guance, al nero della nuca, della coda e della parte esterna delle ali, al marrone scuro del dorso.
Varianti: l'uomo ha creato in cattività diverse mutazioni di colore come: giallo, bruno, eumo, satinè, lutino, agata.

Composizione
Scagliola
Niger
Canapuccia
Lino oro
Grani della salute
Perilla bianca
Erba mazzolina
Cicoria
Miglio bianco
Girasole nero
Rapa
Miglio rosso
Lattuga bianca
Lattuga nera
Finocchio
Papavero blu

Cardellino Premium
  • Manitoba - Cardellino Premium
  • Manitoba - Cardellino Premium
  • Manitoba - Cardellino Premium
  • Manitoba - Cardellino Premium
  • Manitoba - Cardellino Premium
  • Cardellino europeo
    Carduelis carduelis
  • Cardellino europeo
    Carduelis carduelis
  • Cardellino europeo
    Carduelis carduelis
  • Cardellino europeo
    Carduelis carduelis
  • Cardellino europeo
    Carduelis carduelis

Disponibile in sacco da 15 kg

Istruzioni per un uso corretto
Le grande varietà dei semi e le peculiari caratteristiche organolettiche di questo miscuglio consentono ad ogni specie allevata in cattività di riprodurre la dieta più affine ai propri fabbisogni naturali. La somministrazione giornaliera dell’alimento dovrà corrispondere alla quantità mediamente consumata nelle 24 ore, avendo cura di provvedere prima di ogni somministrazione alla pulizia e lavaggio della mangiatoia. Tale pratica igienico sanitaria dovrà essere estesa anche all’abbeveratoio, garantendo acqua fresca e pulita sempre a disposizione.

Informazioni utili
La riproduzione inizia nella tarda primavera, e generalmente una coppia porta a termine tre covate, l'incubazione dura circa 12 giorni nelle sottospecie meridionali, qualche giorno in più per quelle settentrionali. Il nido viene costruito generalmente su una pianta diconifera o su alberi da frutto a qualche metro dal suolo. Le uova deposte variano da un minimo di due ad un massimo di sette. I piccoli vengono svezzati intorno al trentacinquesimo giorno e vengono alimentati con semi immaturi e afidi. Si può ibridare con il verzellino.

Copyright © 2016 Manitoba s.r.l.