Coniglietto

Il coniglio (Oryctolagus cuniculus) appartiene alla Famiglia dei Leporidi, come la lepre. In natura i conigli vivono in gruppi, in sistemi di gallerie sotterranee da loro scavate. La struttura e la taglia di questo animale variano notevolmente a seconda della razza: si parte, infatti, dal coniglio nano olandese che pesa meno di un chilogrammo e si arriva alle razze giganti, (come ad esempio il gigante fiammingo), che ne pesano fino ad otto. Il sistema digerente del coniglio è caratterizzato una particolare caratteristica fisiologica detta ciecotrofia, che determina un processo di formazione e di ringestione di un tipo di feci particolari, denominate feci molli. Grazie a questo il coniglio,che è un monograstrico, è in grado di “digerire per fermentazione batterica” gli alimenti fibrosi così come avviene nei poligastrici. Il coniglio produce quindi due tipi di feci, le feci dure, di forma sferica, fibrose e asciutte, costituite da materiale non digerito, che sono eliminate durante tutto l’arco della giornata, e le feci molli, che vengono nuovamente ingerite, e sono emesse soprattutto durante le prime ore della giornata.

Composizione
Pellet di erba medica
Carruba
Favino schiacciato
Mais schiacciato
Avena bianca
Pisello schiacciato
Pisello verde
Frumento
Mais espanso
Pisello fioccato
Banana
Carota
Mais bianco
Mais
Uva
Girasole Iregi
Estruso verde
Estruso arancio
Fieno di prato

Coniglietto Could not load widget with the id 100.

Disponibile in busta da 1 kg, 2 kg e sacco da 15 kg

Istruzioni per un uso corretto
Il Coniglietto Manitoba è un alimento completo da somministrare in apposite mangiatoie in quantità corrispondente a quella mediamente consumata nelle 24 ore, e ciò in funzione dell’attività fisica, dello spazio a disposizione, del microclima e dell’età del coniglio. Soprattutto nei conigli costretti ad una scarsa deambulazione è consigliabile associare al miscuglio fieno di buona qualità. Garantire acqua fresca e pulita sempre a disposizione.

Curiosità
Solitamente se il coniglietto è molto spaventato si acquatta il più possibile sul pavimento e se lo sentite battere con le zampe posteriori sul pavimento trasmette un segnale d’allarme che anticipa la fuga. Se il coniglio soffia annuncia invece l’attacco ed è necessario prestare un po’ d’attenzione.Quando al contrario il coniglio si sente a suo agio, sicuro e tranquillo lo potete vedere mentre gioca da solo, saltando e rotolando, oppure in posizione d’assoluto riposo sdraiato con le zampe distese.

Copyright © 2016 Manitoba s.r.l.